Arte

Al MART Steve McCurry e un viaggio tra le altitudini del mondo


La mostra fotografica è un progetto inedito di Steve McCurry, un viaggio nelle terre e tra le genti di montagna del mondo 


 

TRENTO – Il Mart e il MUSE, per la prima volta insieme, organizzano una grande mostra nella storica sede di Palazzo delle Albere a Trento: un progetto inedito di Steve McCurry, tra i fotografi contemporanei più famosi e amati.
Dedicata alle terre e alle genti di montagna, la mostra a cura di Biba Giachetti e Denis Isaia, ospitata a Palazzo delle Albere dal 19 giugno al 19 settembre 2021, è un viaggio tra le altitudini del mondo. Un viaggio che attraverso l’Afghanistan, il Tibet, la Mongolia, il Giappone, il Brasile, la Birmania e poi le Filippine, il Marocco, lo Yemen e narra le simbiosi tra popoli, animali e paesaggi secondo l’inconfondibile cifra espressiva di McCurry.

La mostra

In un percorso su due piani, 130 fotografie di McCurry descrivono il suo instancabile desiderio di esplorare, scoprire e raccontare il mondo. Come in tutta l’opera di McCurry, le fotografie in mostra omaggiano l’esistenza in oscillazione tra il pericolo e la risorsa, denunciando i soprusi umani e ambientali che affliggono il pianeta.
La mostra, nata da un’idea di Vittorio Sgarbi e Gabriele Accorneo, è arricchita dalla Icons Room, una stanza nella quale si ripercorre sinteticamente la carriera di Steve McCurry attraverso undici fra le più note opere fotografiche. Tra queste il celebre ritratto della “ragazza afgana” dallo sguardo magnetico, realizzata nel 1984. Un progetto in collaborazione con Sudest57.

 

Immagine d’apertura: Steve McCurry, “Mongolia”, 2018 ©Steve McCurry

© Riproduzione riservata


Leggi anche gli articoli: 

 


 

Comment here

6 − 3 =