Cultura

Al via il Firenze Light Festival: dalla selva oscura alla luce

Al via oggi il F-Light – il Firenze Light Festival che riveste di nuova luce gli spazi della città, quest’anno nel segno di Dante e della speranza

 


 

FIRENZE – Le festività natalizie si avvicinano, e a poco a poco nella città di Firenze si accendono le luci natalizie. Dopo l’accensione dell’albero di Palazzo Vecchio e di piazza del Duomo, in diretta streaming sulle pagine Facebook di Città di Firenze e Sindaco e sul canale YouTube di Florence TV, a partire da oggi si illuminerà l’intera città.
Come tutti gli anni, l’8 dicembre prende il via F-Light, il Firenze Light Festival, intitolato per questo 2020, “Sight, dalla selva oscura alla luce” omaggio a Dante. Promosso dal Comune di Firenze e organizzato da MUS.E, con la direzione artistica di Sergio Risaliti, il F-Light Sight fino al 6 gennaio rivestirà di nuova luce gli spazi urbani, grazie a video-mapping, proiezioni, lightshow e installazioni artistiche.

 

Leggi: Dante 2021: un anno di celebrazioni per i 700 anni dalla morte 

Un evento tra i più importanti nel suo genere, offerto quest’anno alla città nella convinzione che l’uscita dall’oscura selva di dantesca memoria, sia la cosa più desiderata e cercata da ognuno di noi.
La manifestazione, realizzata con il contributo della Camera di Commercio di Firenze, con il sostegno di Terna Spa e il supporto di Conad e Mukki, interesserà numerose zone fiorentine.
I luoghi interessati dalle 17.30 alle 22 dal Firenze Light Festival vanno dalle piazze principali a Ponte Vecchio, dal Forte Belvedere alle torri e porte medievali, da Palazzo Medici Riccardi al Museo Novecento, oltre ai quartieri fuori dal centro storico.

 

Leggi: Concerto per Dante: al via le celebrazioni per il Sommo poeta

Un omaggio particolare sarà dedicato alle strutture ospedaliere, baluardo prezioso nella resistenza al nemico che ha stravolto il nostro presente. Viene inoltre rinnovato l’appuntamento con “Three Artist Trees” un progetto del Museo Novecento nato da un’idea di Sergio Risaliti, che ha coinvolto tre artisti di fama internazionale: Michelangelo Pistoletto, Mimmo Paladino e Domenico Bianchi. I tre artisti si cimenteranno con l’elaborazione di un simbolo universale del Natale creando vere e proprie opere site specific. Un’occasione di dialogo per l’arte contemporanea e quella del passato, che connota l’identità dei luoghi in cui queste opere si inseriscono come veicolo di conoscenza e meraviglia.

 

(Fonte notizia: comunicato stampa)
Immagine d’apertura: ponte vecchio di Firenze illuminato 

© Riproduzione riservata


Cosa regalare a Natale? Regala la sensibilità dell’arte e la profondità della cultura!  

                     

Comment here

quindici − tre =