Arte

Anime fluttuanti nei dipinti di Jessica Sodi

La delicata profondità nelle opere d’arte di Jessica Sodi: “una fragilità dichiarata non velata… delicatezza nel lasciarsi andare cibandosi d’immenso cromatismo”

di c.c. 

Nelle opere d’arte di Jessica Sodi, mani intense si legano a nuvole in cieli delicati quasi trasparenti.
Un’origine di meraviglia per la ‘vita’ che tangibile conduce al sogno, fissandone una realtà che gli occhi ne danno certezza. In petali fluttuanti nascono e si nascondo sentimenti puri, che maturano in un cuore cristallino lontano da deformi emozioni.
Cammina il dire di una forma, tracce al centro di questo enorme giardino di fiori senza tempo. Non c’è posto per lo spazio, troppo denso il colore che sovrappone e indica la strada.
Spoglio di linee e curve il tratto, l’immagine si compone di battiti a pennellate che scivolano lungo l’anima. Radici si nutrono di terra e acqua, cielo e nuvole misurano il contorno di una accoglienza intensa interna fondamento del pensiero. Una fragilità dichiarata non velata… delicatezza nel lasciarsi andare cibandosi d’immenso cromatico. Nessuna corazza, porte lasciate socchiuse. Sorgente dove far sbocciare la danza della sua Arte, corolle come impronte lasciate al presente di questo mondo. Un raccontare poetico, sereno e vero.

Immagine d’apertura: Jessica Sodi, Risveglio di primavera, olio su tela, 70 cm x 100 cm

© Riproduzione riservata

//position: after content (not homepage) //NB automatic random ads selected

About Author

Comment here

uno × due =