ArteFatto

Arte e Design: Matteo Di Ciommo presenta le due nuove collezioni

Le collezioni dell’artista Matteo Di Ciommo sono oggetti senza tempo che uniscono la forza della scultura, lo studio dell’architettura e il saper fare manuale

 

ROMA – L’artista e designer Matteo Di Ciommo presenta i suoi nuovi lavori, oggetti d’uso quotidiano trasformati in vere opere d’arte. Le due nuove collezioni sono costituite infatti da pezzi unici, piccole e raffinate sculture in legno, bronzo e acqua. Oggetti comuni che l’ingegno e la manualità di Di Ciommo hanno trasformato in opere d’arte, nobilitando al contempo la loro funzione.
Di formazione designer, Di Ciommo è da sempre attratto dal lato più concreto della progettazione, tanto che nella sua produzione la realizzazione fisica degli oggetti acquista la stessa importanza della loro creazione. Tra i suoi modelli d’ispirazione d’altronde ci sono Alessandro Mendini, Ugo La Pietra e Michele De Lucchi con cui collabora. Designers che si sono confrontati con l’autoproduzione e che hanno fondato le basi del design italiano contemporaneo.

Peculiarità di Matteo Di Ciommo è proprio il suo intervenire in prima persona in ogni fase del progetto: dall’ideazione dell’opera alla sua esecuzione, in un’affascinante sintesi di creazione artistica e progettuale che si sposa con il saper fare manuale. “Molti mi definiscono come “quello che fa cose belle con il legno” – afferma Di Ciommo – che a me, a dire il vero, non piace molto perché è un po’ riduttivo. Mi definirei più un “ricercatore di Bellezza”, oppure, non in termini filosofici, un progettista o auto-produttore”. Dopo essersi interessato a tetti, sedie e comignoli, (qui l’articolo) adesso Matteo Di Ciommo reinterpreta l’oggetto d’uso che diventa scultura con una sua caratteristica narrazione che va oltre la semplice funzione pratica.
Le due collezioni, Piani, ripiani e terrazze e Atlantide, rappresentano la commistione tra arte e design. Sono oggetti senza tempo che uniscono la forza della scultura, lo studio dell’architettura e il saper far manuale per la creazione di elementi d’arredo unici nel loro genere.

   Matteo Di Ciommo, pezzo della collezione Atlantide

Piani, ripiani e terrazze rinnova il concetto di vassoio e di alzatine. È composta da otto pezzi, tutti costruiti con legno massello prevalentemente di noce, ciliegio e mogano. L’ispirazione arriva dai suggestivi paesaggi e dagli edifici storici ammirati lungo tutti i suoi viaggi, che costituiscono l’esempio da cui far nascere queste architetture in miniatura. I tetti delle case o le terrazze naturali della montagna diventano essi stessi contenitori e piani d’appoggio per altri oggetti. Il vassoio come lo conosciamo normalmente diventa qui un paesaggio domestico, portante e non soltanto portatore. “Volevo costruire delle alzatine, lo ammetto – spiega Di Ciommo parlando della collezione – però questo nome è davvero bruttissimo. Ho pensato allora ai fari della Sardegna, ai castelli arroccati, alle chiesette in pizzo al lago, alle case walzer in alta montagna, alle piazzette dei paesi con la vista. In poche parole ho pensato a cose bellissime che mi hanno fatto dimenticare le alzatine e regalato paesaggi stupendi. Volevo ringraziare questi orizzonti – continua l’artista – ma ero nel mio laboratorio e non avevo una macchina fotografica, quindi li ho costruiti in legno. Sono piani ripiani e terrazze”.
Anche la seconda collezione Atlantide è rappresentata da pezzi unici fatti a mano: sei vasi in vetro con all’interno dei paesaggi realizzati in bronzo, la cui ideazione è iniziata nel 2018. Atlantide è il nome della mitica isola sotto i mari, ispirazione per questi contenitori che possono accogliere i fiori ma anche vivere di vita propria. Delle piccole città sommerse che diventano oggetti d’uso e decorativi. Lo studio delle architetture è sempre centrale nella poetica di Di Ciommo che in questi esemplari aggiunge un nuovo elemento d’indagine costituito dall’acqua, componente imprescindibile per far vivere i fiori, ma anche materia di studio nelle sue infinite possibilità compositive in dialogo con le strutture tridimensionali.
“Non volevo fare dei semplici vasi per contenere fiori” – racconta Matteo Di Ciommo. “Volevo cercare un contenitore che potesse avere una sua vita indipendente dal contenuto; anche vuoto o con dei rami secchi o della frutta. Volevo che il contenitore fosse animato di una sua vita intima e che non fosse qualcosa semplicemente da riempire. Ho pensato ad Atlantide riflettendo sull’acqua, fedele compagna dei vasi e quindi a paesaggi sottomarini che creassero un orizzonte o un panorama. Il vaso così facendo vive nell’acqua, diventa paesaggio vivente con il proprio contenuto e non più soltanto contenitore, piccola scintilla di stupore e meraviglia”.

Immagine d’apertura: Matteo Di Ciommo, uno dei pezzi in legno
della collezione Piani, ripiani e terrazze

© Riproduzione riservata

About Author

Comment here

10 + 13 =