Arte

“Borderline”, la mostra d’arte contemporanea al MAM di Cosenza

Borderline immagine
Redazione Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
×
Redazione Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.

di redazione AF

Cosenza, martedì 4 luglio 2017 – 

Arte – Con “BorderLine. Linea di confine” una nuova mostra di arte contemporanea approda al MaM (Museo delle Arti e dei Mestieri) di Cosenza.

Borderline immagineDopo la collettiva di Mater Terra2 e la personale di Giorgio Bartocci “Miniera”, torna di scena un importante collettiva di arte contemporanea con quattro grandi artisti, Jole Serreli, Gennaro Barci, Arianna Matta e Jara Marzulli, sotto la direzione scientifica di Roberto Bilotti Ruggi D’Aragona e a cura di Marilena Morabito. Inaugurata sabato scorso l’esposizione sarà visitabile fino all’1 agosto 2017,ingresso gratuito. La mostra si avvale della collaborazione del MiBact, della provincia di Cosenza, della Fondazione Bilotti Ruggi D’Aragona e dell’associazione ACAV. 
BorderLine, il confine –  come sottolinea Marilena Morabito – è letteralmente, cum-finis, ciò che separa e nel contempo unisce, ciò che ci accomuna all’altro, qualunque cosa l’altro o l’oltre sia o significhi. Spesso solo metafora, per definire la linea oltre la quale la nostra giurisdizione e i nostri sentimenti non riescono ad arrivare, dove ogni caratteristica individuale svanisce, linea oltre la quale la vista non scorge i propri obiettivi, linea immaginaria che ci separa da popoli e civiltà, quello che separa le arti ed il sapere. Il limite, nella sua duplicità del significato, deriva da due differenti sostantivi latini, limes-limitis e limen-liminis. Il primo assume un’accezione negativa di confine, come ad indicare una barriera per l’uomo che lo segrega in una sorta di prigionia; al contrario, il secondo acquista un valore di soglia che è per l’uomo il passaggio, l’apertura verso nuovi orizzonti, il varcare la soglia significa passare da uno status ad un altro stato dell’essere. Esiste realmente, questa linea oltre la quale vi è un mondo asettico composto da contenitori a tenuta stagna in cui nulla viene contaminato, nulla viene influenzato e nulla può avere una lettura interpretativa diversa da quella che è stata pensata? 

Grazie alla partecipazione della compagnia teatrale “La compagnia della pigna”, durante il periodo dell’esposizione sarà realizzato un laboratorio teatrale a cura della regista Francesca Manna che metterà in stretta correlazione l’Arte e il Teatro. I partecipanti al corso teatrale potranno confrontarsi così con gli artisti di “BorderLine” e con le loro opere, al fine di produrre un testo teatrale ispirandosi alla loro arte.

Immagine google: opera in mostra al Mam

 

Info
dall’1 luglio all’1 agosto 2017.

MaM (Museo delle Arti e dei Mestieri)
c.so Bernardino Telesio 19, Cosenza

 

 

© Riproduzione Riservata 

About Author

Comment here

sei − quattro =