Arte

Carlo Levi e l’archivio fotografico di un protagonista del Novecento


Il progetto sull’Archivio fotografico di Carlo Levi, si incentra sulla valorizzazione e diffusione del fondo fotografico raccolto dallo scrittore e artista

 


 

ROMA – Dal mese di luglio 2021 la Fondazione Carlo Levi presenta “L’archivio fotografico di un protagonista del Novecento: Carlo Levi”, a cura di Daniela Fonti e Antonella Lavorgna per la Fondazione Carlo Levi. Si tratta del progetto vincitore dell’avviso pubblico “Strategia Fotografia 2020” e promosso e sostenuto dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura.
L’iniziativa si incentra sulla valorizzazione e diffusione del fondo fotografico inedito raccolto in vita da Carlo Levi, di proprietà della Fondazione da lui creata, attualmente conservato presso l’Archivio Centrale dello Stato di Roma. Il progetto di valorizzazione del fondo rientra, inoltre, nella programmazione culturale della Fondazione, che ne ha iniziato il riordino e la catalogazione dal 2018.

Il fondo fotografico

Il fondo, che copre un arco temporale dagli anni Venti fino al periodo immediatamente successivo alla morte dell’artista (1975), rivela il ruolo centrale della fotografia nel percorso di Carlo Levi, compresa l’intensa rete di rapporti da lui intessuti con grandi maestri fotografi. Tra questi con Mario Carbone, David Seymour, Henry Cartier-Bresson e con molte figure di professionisti “minori” attive nel campo del fotoreportage e fotogiornalismo. Quali Augusto Viggiano, lo Studio fotografico Scafidi di Palermo, Elio Sorci, Agnese De Donato, animando il dibattito sul fotoamatorismo.
Il progetto si articola in tre sessioni che hanno l’obiettivo di ripercorrere la memoria storica del nostro paese attraverso gli occhi di Carlo Levi. Uno dei protagonisti del Novecento artista, scrittore, uomo politico fra i più completi, complessi e multiformi che l’Italia abbia espresso nel XX secolo.

Le tre sessioni del progetto

La prima sessione riguarda l’ Archivio fotografico sul sito della Fondazione Carlo Levi, fruibile totalmente online dal mese di luglio 2021. Consiste nella costruzione di un prodotto multimediale concepito come un catalogo digitale (1200 fotografie, estratte dal patrimonio più vasto), interattivo, sempre disponibile e in continuo aggiornamento. La seconda Sessione, invece, propone la mostra fotografica “Uno scatto che ci somiglia: la raccolta fotografica di Carlo Levi”, prevista da settembre a dicembre 2021 presso la sede della Fondazione Carlo Levi a Roma. Saranno presentati circa 60 originali accompagnati da videoproiezioni. La terza sessione presenta la giornata di studi “In primo piano luoghi e gente d’Italia”. Durante il periodo della mostra, nel mese di ottobre, si svolgerà, presso la Fondazione Carlo Levi, una giornata di approfondimento con specialisti nazionali e internazionali del settore sui temi presenti nel fondo, e la presentazione di un documentario che ricostruisce la storia della raccolta fotografica.

 

Immagine d’apertura: Carlo Levi © Archivio fotografico Fondazione Carlo Levi

© Riproduzione riservata


Leggi anche gli articoli: 

Morandi racconta Il segno inciso: tratteggi e chiaroscuri

Dante e la miniatura al tempo di Oderisi da Gubbio e Franco Bolognese


 

Comment here

17 − 13 =