Arte

Cerchi di colore, le opere di Paolo Cutrano

L’arte di Paolo Cutrano: “profondità dove i battiti non toccano,  l’eco di una gioia in bolle di sapone libere, delicate…”


di c.c.

Nelle opere di Paolo Cutrano, filamenti d’acqua pura scorrono stremati intorno intervalli di grafemi nitidi. Una forma di punteggiatura di cromata vita scavalca le rigide linee di una arte d’oggi singhiozzante. Ad occhi chiusi riconosco il contorno di ri-produzione del cerchio, nutro del gesto concentrico che istante imprevedibile, leggibile.
Mi abbandono alla luce della parola che dettata dalle geometriche vitalità non esita un cuore a riempire di rosso-giallo-blu.
Traboccanti le mie mani nel toccare, sbirciare, gocciolare, gustare, imbottigliare, imperversare, legare, considerare, parlare, portare, rinascere…
Salvato dal giorno introdotto da pittura intensa-mente-cuore. Filtrante il colore incagliato da un tempo statico, ritmato, tace. I sensi ruminano, materia intensa adagiata con delicatezza puntellata al cielo, definito il tratto sicuro racconta di intrecci perfetti, strade che indicano natura.
Profondità dove i battiti non toccano, trovare l’eco di una gioia in bolle di sapone libere, delicate, trasparenti e forti. Una tela, segni che danno risposte. 

Immagine d’apertura: Paolo Cutrano, Bolle

© Riproduzione riservata

About Author

Comment here

due + quindici =