Arte

COSTUMI IN SCENA Storie di teatro lirico dal Museo Enrico Caruso


Con questa mostra Palazzo Medici Riccardi di Firenze rende omaggio al grande tenore Enrico Caruso nel centenario della sua morte


 

FIRENZE – Nel centenario della morte del celebre tenore, Enrico Caruso, vengono esposti per la prima volta i costumi custoditi nell’archivio del Museo di Lastra a Signa, che ha sede nella Villa Bellosguardo che Caruso acquistò nel 1906 e sua dimora fino alla morte nel 1921.
Per l’occasione Palazzo Medici Riccardi ospita fino al 24 agosto 2021, lungo il suo percorso museale, la mostra COSTUMI IN SCENA. Storie di teatro lirico dal Museo Enrico Caruso. I costumi esposti, risalenti all’inizio del ‘900, fanno parte di una donazione che ha dato luogo alla nascita del Museo Enrico Caruso.

La mostra

L’abito di scena ha sempre rivestito una grande importanza nella storia del teatro e la sua evoluzione è intrecciata a quella del teatro stesso. Questa esposizione, dunque, intende celebrare il grande tenore conosciuto ovunque come “voce immortale” e al contempo omaggiare il teatro stesso.

Gli abiti di scena

Di fattura ricca e accurata, tutti gli abiti esposti sono stati per l’occasione oggetto di un minuzioso ed esperto restauro, curato dallo Studio Restauro Tessile di Beyer & Perrone, voluto e finanziato dalla Città Metropolitana. Si tratta di abiti di scena, sei in tutto, indossati in varie rappresentazioni da Enrico Caruso e da altri celebri cantanti contemporanei.
Tra gli abiti indossati dal tenore troviamo quello appartenente a Canio, con colletto di gale plissettate, poi il cappello di feltro e le decorazioni a coccarda e pon pon, usato ne I Pagliacci di Leoncavallo. Esposta anche la tunica corta in stile egizio per il ruolo di Radames nell’Aida di Giuseppe Verdi. E ancora la sopravveste di manifattura orientale indossata nei panni di Osaka nella Iris di Mascagni.


Immagine d’apertura
: Enrico Caruso e particolare del costume di Osaka nell’Iris di Pietro Mascagni

© Riproduzione riservata


Leggi anche gli articoli: 

 


Comment here

diciotto − dieci =