Arte

Cracking Art: l’arte pubblica che ripristina il legame uomo e fauna

I pacifici animali del collettivo Cracking Art tornano ad animare la città di San Benedetto del Tronto lanciando un messaggio di speranza e ricostruzione 

 

ASCOLI PICENO – L’Associazione culturale Verticale d’Arte, in collaborazione con il Comune di San Benedetto del Tronto, presenta Cracking Art en plein air. Un progetto di arte pubblica per l’intera città di San Benedetto del Tronto a cura di Stefano Papetti, Elisa Mori e Giorgia Berardinelli.
Il progetto, che torna in un’estate diversa dalle altre a causa delle restrizioni imposte dal Covid-19, ha l’obiettivo di innescare, attraverso il linguaggio dell’arte, dinamiche e sentimenti come quelli di relazione con l’altro, di fiducia e tutela della collettività, nonché di tutte le specificità paesaggistiche, naturalistiche e anche artistiche.
Oggi più che mai, in un momento unico come quello che stiamo vivendo, risulta fondamentale avvicinare il pubblico alle dinamiche dell’arte e Cracking Art lo fa da oltre 25 anni con lo slogan l’Arte rigenera l’Arte creando animali in plastica e rigenerando mostra dopo mostra. Un messaggio che vuole far comprendere come la bellezza e la potenza dell’arte può consentire la salvaguardia dell’ambiente e del ricco patrimonio storico-artistico. In questo caso la rinascita di un territorio e di un Paese intero, fortemente colpito dal lockdown.

Con Cracking Art en plein air la città di San Benedetto del Tronto dal 18 luglio al 2 novembre 2020 sarà abitata da creature in plastica rigenerata. Un’invasione pacifica e silenziosa di una trentina di animali colorati, di varie tipologie e dimensioni: suricati, elefanti, cani e gatti, conigli e non ultima la celebre chiocciola.

   Allestimento di Cracking art a San Benedetto del Tronto

Le creazioni di Cracking Art, al pari degli animali selvatici nel periodo del lockdown, sembrano riappropriarsi delle aree verdi e non del tessuto urbano ripristinando quel profondo legame tra l’uomo e la fauna. L’esposizione sarà una mappatura simbolica delle città per farla riscoprire dai cittadini e dai turisti evitando assembramenti.
Così si va dal suggestivo Vecchio Incasato con il suo affascinante torrione dove troverà la sua naturale collocazione l’elefante, a piazza Matteotti fino al termine del lungomare di Porto d’Ascoli dove albergheranno due grandi chiocciole – emblemi per eccellenza della produzione di Cracking Art e metafora dell’ascolto, dell’abitare e della comunicazione digitale. Si passa poi per la balconata della Palazzina Azzurra con una sequenza di gatti, nuovi arrivati in casa Cracking, sornioni e indipendenti ma amanti del focolaio domestico, che vestono i colori della città. Infine i due grandi conigli installati nel Giardino “Nuttate de Lune”.

La scelta di Cracking Art en plein air assume dunque una duplice valenza: quella di presentare un evento di promozione del contemporaneo, in un’ottica di ripartenza culturale oggi assolutamente necessaria e nel contempo quello di riuscire a far dialogare i linguaggi dell’arte contemporanea con luoghi densi e ricchi di storia così come in quelli legati alla modernità, nella sicurezza e nel rispetto della salute di ogni singolo individuo.
Gli animali di Cracking Art saranno presenze vivaci e rassicuranti nell’estate sanbenedettese. Creeranno un’atmosfera da fiaba valorizzando le evidenze architettoniche che andranno ad abitare. Coinvolgeranno lo spettatore, sia esso adulto o bambino, entrando con quest’ultimo in totale empatia.

Immagine d’apertura: Allestimento di Cracking art a San Benedetto del Tronto

© Riproduzione riservata

About Author

Comment here

1 + quindici =