Arte

‘Da Poussin a Cézanne. Capolavori del disegno francese della Collezione Prat

Museo Correr

“Da Poussin a Cézanne. Capolavori del disegno della Collezione Prat” permette un excursus nella produzione dei grandi maestri della pittura francese

 

VENEZIA – In arte il disegno è considerato come una specie di “pre-opera”. Netto, incisivo, ricco di dettagli, rapido, fatto di getto e senza controllo, costituisce in pratica l’idea d’opera che ha in mente un pittore o uno scultore. Per questo è generalmente considerato come il diario più intimo di un artista e di conseguenza una delle più alte espressioni della sua opera.
Su questo aspetto importante del lavoro pittorico o scultoreo, si concentra la mostra di disegni allestita al Museo Correr a partire dal 18 marzo fino al 4 giugno 2017. E’ organizzata dalla Fondazione Musei Civici di Venezia (Muve), con la collaborazione della Fondation Bemberg di Tolosa ed il supporto di Alliance François-Venezia. Esposto l’eccezionale nucleo di raffinatissimi disegni della Collezione Prat.
L’importante raccolta permette un excursus completo nella produzione di grandi maestri della pittura francese del periodo tra il XVII e il XX secolo. In mostra i disegni di grandi maestri come Poussin, Callot, Seurat, Cézanne e molti altri.
Quella che si prospetta al Museo Correr di Venezia è una preziosa rassegnai di disegni , curata da Pierre Rosenberg, provenienti da una della più importanti raccolte private francesi, che andrà a rinnovare nel corso di questa primavera, alle porte, la tradizione del Museo Correr che è quella di presentare al suo pubblico capolavori su carta, facenti parte di un eccezionale nucleo di raffinatissimi fogli a matita, china, acquarello, ecc. I
l disegno è ancora oggi, dal punto di vista degli studi della storia dell’arte, una delle espressioni più alte che un artista possa lasciare a testimonianza della sua opera. Grazie alla libertà che questa tecnica consente, proprio alla sua immediatezza affida gli umori più autentici del suo estro creativo.

 

© Riproduzione riservata

About Author

Comment here

1 × due =