CinemaCultura

Empty Man – L’arte di Federico Clapis oltre i social


Presentato ieri al Giffoni Film Festival il documentario di Davide Romeo Meraviglia, che racconta la storia e la figura di Federico Clapis


 

SALERNO – E’ arrivato a Giffoni Film Festival “Empty Man – L’arte di Federico Clapis oltre i social”. Il documentario di Davide Romeo Meraviglia, prodotto da LAMP – Light And Motion Pictures, che vuole raccontare la storia e la figura di Federico Clapis. Quest’ultimo, milanese classe 1987, all’apice di una carriera in rete, decide nel 2015 di lasciarla per dedicarsi completamente alla sua grande passione: l’arte. Il film è a Giffoni nella sezione GEX DOC e concorre all’assegnazione del Gryphon Award.

Federico Clapis

Personaggio comico dirompente sui social della prima ora, un giorno questo non gli basta più: la grande moltitudine di follower diventa ai suoi occhi insignificante. Federico Clapis sente il bisogno di essere preso sul serio per quello che vuole trasmettere al mondo e che ora vuole finalmente condividere con tutti: la sua arte. È in questo mondo che si sente vivo e attraverso cui da sempre si sarebbe voluto esprimere. Spogliatosi del ruolo che lo aveva reso celebre, affronta il nuovo palco con lo stesso obiettivo di sempre: riuscire ad essere finalmente consacrato come artista internazionale.

Empty Man

Federico Clapis forza quindi le porte dell’arte che si schiudono, ma questo riuscirà a riempire l’animo di “Empty man”? La partecipazione a un evento nell’ambito della Triennale di Milano 2020 finisce per assumere un ruolo centrale nella narrazione, perché emblematico di questa ambivalenza con cui l’artista si trova a dover fare i conti. Man mano che il film si svela, e con esso si rivela la vita intima di Federico Clapis, si inizia a intravedere le prime crepe nell’immagine dell’artista che emergono dalle pagine social e vediamo il lato più umano e vero, inclusi i suoi angoli più oscuri. Ed è questo che fa immedesimare nella sua lotta e che fa parteggiare per lui.

L’arte di Clapis

L’artista invita quotidianamente il pubblico online a scrivere e condividere sui social network le sensazioni che le sue opere suscitano. Clapis considera la condivisione una parte integrante dell’atto artistico. In questo modo, sculture, installazioni e videoarte diventano il veicolo di un’avventura più profonda, alla scoperta di un percorso di condivisone tra artista e utente.

 

Guarda il trailer di Empty Man

 

 

Il regista Davide Romeo Meraviglia

Come dice il regista Davide Romeo Meraviglia: “È a suo modo un eroe capace di esorcizzare ciò che tutti almeno una volta nella vita abbiamo sognato, ma che pochi hanno avuto il coraggio di fare davvero: mollare tutto e inseguire un sogno nonostante le avversità. Federico è un personaggio ancora tanto presente sui canali social, che anzi sono diventati parte integrante del suo percorso artistico. Attraverso questi racconta la parte più pubblica della sua carriera, per questo per rivelarne il lato nascosto ho scelto un linguaggio stilistico fatto di immagini ruvide e spesso “sporche”. Con una telecamera a mano lo seguiamo nei momenti più intimi della sua vita, quelli in cui abbandona la sua persona pubblica e racconta i suoi pensieri più nascosti. Lontano dalle immagini patinate pubblicate sui suoi canali social, raccontiamo agli spettatori un aspetto finora nascosto di Federico Clapis”.

Il documentario

La scelta del documentario, girato tra la fine del 2019 e febbraio 2020, è quella di raccontare un artista che fonde in se stesso l’universo social, il mondo dell’arte contemporanea e le nuove frontiere tecnologiche della Crypto Art che da alcuni anni stanno modificando le dinamiche del mercato dell’arte tradizionale.
Empty Man – L’arte di Federico Clapis oltre i social rappresenta il primo lungometraggio della società di produzione Lamp (Light And Motion Pictures). Lamp vuole dare voce a storie fantastiche perchè la fantasia è fondamentale per accettare e vivere meglio la realtà.

Scheda del documentario

Empty Man – L’arte di Federico Clapis oltre i social è prodotto da LAMP – Light And Motion Pictures. Soggetto di Davide Romeo Meraviglia e Marco Ferrarini, scritto da Marco Ferrarini montaggio Adalberto Lombardo musiche originali Luca Longobardi, post produzione audio Emanuele Misurina color correction Anna Vigorelli, direttore di produzione Anna Garbarino, assistente di produzione Elisa Cavioni, prodotto da Adalberto Lombardo, regia di Davide Romeo Meraviglia.

© Riproduzione riservata


Leggi anche gli articoli: 

 


 

Comment here

1 × 5 =