Arte

Fede Galizia mirabile pittrice del ‘500 in mostra a Trento


Fede Galizia viene celebrata al Castello del Buonconsiglio di Trento con la prima mostra monografica a lei dedicata


 

TRENTO – Tra le pittrici che insieme ad Artemisia Gentileschi e Sofonisba Anguissola hanno raggiunto una certa fama tra Cinquecento e Seicento, spicca anche Fede Galizia.
Anche lei come le colleghe hanno lasciato un segno nella storia dell’arte, per questo la pittrice, di origine trentina, sarà celebrata al Castello del Buonconsiglio dal 3 luglio al 25 ottobre 2021, con la prima mostra monografica a lei dedicata: “Fede Galizia. Mirabile pittoressa”.

Di Fede Galizia e della sua carriera artistica vi avevamo già raccontato in questo articolo: Fede Galizia, pittrice e miniaturista prodigio 
Fede Galizia ottenne un successo straordinario tra i committenti dell’epoca, tanto che opere sue raggiungono, prima del 1593, la corte imperiale di Rodolfo II d’Asburgo. Gli studi novecenteschi, soprattutto italiani ma non solo, hanno dato particolare risalto all’attività di Fede come autrice di nature morte, alle origini di questo fortunato genere. Ma l’artista realizzò anche e soprattutto ritratti e pale d’altare, destinati a sedi tutt’altro che locali (Montecarlo e Napoli, per esempio).

 

   Fede Galizia, Natura morta, 1610 Collezione-Privata

 

La mostra, curata da Giovanni Agosti e Jacopo Stoppa, aspira a rispondere, tramite la presentazione delle opere dell’artista e adeguati confronti, alla domanda: perché Fede Galizia piaceva tanto? Quali sono le ragioni del suo successo? Quanto ha pesato il suo essere donna?
In mostra saranno esposte un’ottantina di opere tra dipinti, disegni, incisioni, medaglie e libri antichi. Oltre a opere di Fede Galizia, sono presenti anche quelle di Plautilla Nelli, Sofonisba Anguissola, Lavinia Fontana e Barbara Longhi. E poi, anche i lavori di Arcimboldi, Bartholomeus Spranger, Giovanni Ambrogio Figino, Jan Brueghel e Daniele Crespi, provenienti dai più importanti musei italiani e alcuni prestiti da istituti museali internazionali e privati.

Immagine d’apertura: Fede Galizia, particolare di Giuditta e Oloferne, 1596 ca, Courtesy of Ringling Museum of Art Sarasota, Usa

© Riproduzione riservata


Leggi anche gli articoli: 

Macerata omaggia Tullio Crali, maestro futurista degli spazi di cielo e terra

RICCARDO DALISI in una grande mostra al Centro Trevi di Bolzano


 

Comment here

due × 5 =