Arte

Il Divisionismo e la rivoluzione della luce al Castello Visconteo Sforzesco di Novara

La mostra raggruppa circa 70 opere dei più importanti esponenti del Divisionismo italiano. Divisa in sezioni, percorre tutte le fasi della corrente artistica.

 

di redazione

NOVARA – La grande mostra “Divisionismo. La rivoluzione della luce”, in corso fino al 5 aprile 2020 a Novara nella magnifica cornice del Castello Visconteo Sforzesco, ha l’ambizione di essere la più importante mostra dedicata al Divisionismo realizzata negli ultimi anni, movimento giustamente considerato prima avanguardia in Italia. La mostra, curata dalla nota studiosa Annie-Paule Quinsac, è incentrata sul Divisionismo lombardo-piemontese e i rapporti con il territorio di Novara, che ne hanno determinato le scelte e il taglio complessivo.
Il Divisionismo infatti nasce a Milano, sulla stessa premessa del Neo-Impressionismo francese – meglio noto come Pointillisme – senza tuttavia che si possa parlare di influenza diretta. Muove dall’idea che lo studio dei trattati d’ottica, che hanno rivoluzionato il concetto di colore, debba determinare la tecnica del pittore moderno. Si sviluppa nel Nord d’Italia, grazie soprattutto al sostegno di Vittore Grubicy de Dragon, mercante d’arte, critico, pubblicista e a sua volta pittore, che con il fratello Alberto gestisce a partire del 1876 una galleria d’arte a Milano. E’ Vittore a diffondere tra i pittori della sua scuderia il principio della sostituzione della miscela chimica dei colori tradizionalmente ottenuta sulla tavolozza, con un approccio diretto all’accostamento dei toni complementari sulla tela. Il colore dunque diventa fenomeno ottico e alla dovuta distanza l’occhio dello spettatore può ricomporre le pennellate staccate in una sintesi tonale, percependo una maggior luminosità nel dipinto. Da Milano e Lombardia il Divisionismo si allarga in Piemonte. Solo Gaetano Previati elabora una visione simbolista che scaturisce dal mito, dà un’interpretazione visionaria della storia o dall’iconografia cristiana, agli antipodi di quella di Segantini sempre legata alla radice naturalista di una percezione panica dell’alta quota.

G. Previati, Maternità ©Castello Visconteo Sforzesco 

La mostra “Divisionismo. La rivoluzione della luce”

Il percorso espositivo si articola in otto sezioni tematiche, durante cui si possono ammirare settanta opere tutte di grande qualità e bellezza, provenienti da importanti musei e istituzioni pubbliche e da collezioni private. La mostra parte dalla scuderia di artisti della galleria Grubicy, si sofferma sulla nascita del Divisionismo italiano, prosegue raccontando l’affermarsi del divisionismo dedicando delle sezioni ai suoi principali interpreti, fino agli sviluppi del divisionismo. In mostra precursori del Divisionismo come Tranquillo Cremona e Daniele Ranzoni, e poi i massimi esponenti come Giuseppe Pellizza da Volpedo, Angelo Morbelli, Gaetano Previati, Emilio Longoni e Giovanni Segantini. Al pianoterra è possibile ammirare la grandiosa e magnifica Maternità (1890-1891) di Previati di proprietà del Banco BPM che ritorna nel capoluogo piemontese dove non è mai stata esposta e che, proprio per l’eccezionalità del prestito, si potrà ammirare con ingresso gratuito. Completano il percorso altri notevoli dipinti come i magnifici paesaggi di Vittore Grubicy, Giovanni Sottocornola, Achille Tominetti e Cesare Maggi.
Una mostra dunque di grande respiro, un percorso ricco e affascinante tra le opere più significative dei maestri divisionisti italiani in un luogo, l’imponente Castello Visconteo Sforzesco di Novara. Un catalogo scientifico accompagna l’esposizione. Il saggio della curatrice è corredato da schede biografiche degli artisti, con schede critiche delle singole opere affidate agli specialisti di riferimento e apparati bibliografici ed espositivi. La rassegna è promossa e organizzata dal Comune di Novara, dalla Fondazione Castello Visconteo e dall’Associazione METS Percorsi d’arte, in collaborazione con ATL della provincia di Novara, e con i patrocini di Commissione europea e Provincia di Novara, con il sostegno di Banco BPM (Main Sponsor), Regione Piemonte, Fondazione CRT e Esseco s.r.l.

 

*In alto: G. Segantini, Savognino d’inverno
Foto: © Castello Visconteo Sforzesco

Info
Castello Visconteo Sforzesco
Piazza Martiri della Libertà – Novara
Mostra dal 23-11-2019 al 05-04-2020
Orario: da martedì a domenica dalle 10,00 alle 19,00
Info e prenotazioni: ATL della Provincia di Novara
Tel. 0321.394059 – info@turismonovara.it

 

© Riproduzione Riservata

 

About Author

Antonella Furci Autore di Artefair

Comment here

2 + quattordici =