Arte

Il Museo Marino Marini al convegno internazionale The Creative Age di Washington

Museo Marino Marini

di redazione    Arte Fair magazine

Firenze
, venerdì 23 settembre 2016 –       

Dal 24 al 28 settembre il Museo Marino Marini di Firenze sarà a Washington, invitato come “best practice” a partecipare al convegno internazionale The Creative Age.

Museo Marino MariniGlobal Perspectives on Creativity and Aging 2016 – NCCA Leadership Exchange and Conference, rivolto ai professionisti museali di tutto il mondo. Il Museo, da anni impegnato con il progetto “L’Arte tra le mani” – ideato da Chiara Lachi e Cristina Bucci – nel favorire l’accesso all’arte alle persone affette da Alzheimer e a chi se ne prende cura, con questa partecipazione conferma il proprio posizionamento all’avanguardia internazionale  nell’approccio pionieristico e sperimentale e l’attenzione a speciali tipologie di pubblico.
The Creative Age sarà dunque un’occasione per scambiare idee sull’invecchiamento creativo. Dopo il grande successo delle due edizioni precedenti, quest’anno saranno più di 350 i partecipanti che faranno esperienze di collaborazione e capacity building, e avranno una rara opportunità di confrontarsi con i colleghi provenienti da tutto il mondo, continuando a porre l’accento sulla pratica e la ricerca. Una discussione che prenderà in considerazione gli atteggiamenti culturali nei confronti degli adulti più anziani e metterà in luce il ruolo guida dei musei nel ridurre l’ageism (razzismo nei confronti degli anziani), evidenziando l’importanza delle arti per creare spazi accessibili e una programmazione inclusiva per coinvolgere gli anziani con disabilità cognitive e fisiche nella vita della comunità.
Cristina Bucci del Dipartimento Educativo del Museo Marino Marini parteciperà, domenica 25 novembre, alla tavola rotonda “International Perspectives On Museum Programming For Older Adults: Focus On People With Dementia And Their Caregivers”, e insieme a Bairbre-Ann Harkin della Butler Gallery di Kilkenny presenterà “Words, Touch, Movement: New Tools from the Arts for Creative Caregiving”, una riflessione sul contributo che i musei e l’arte possono dare per creare una società dementia friendly, a partire dalle esperienze fatte nell’ambito del progetto europeo MA&A Museums Art & Alzheimer’s.
Il progetto “L’Arte tra le mani”, avviato nel 2012, oltre a sperimentare diverse modalità di coinvolgimento delle persone malate e dei loro caregiver, ha sviluppato anche un programma di disseminazione che ha compreso una pubblicazione, un corso di formazione per educatori museali e operatori geriatrici e corsi di approfondimento per caregiver professionali e familiari sulle modalità di comunicazione con le persone con Alzheimer attraverso l’arte. “Abbiamo toccato le sculture di Marino Marini, a mani nude. Il contatto fisico diretto con le opere d’arte ha regalato a tutti emozioni profonde – spiega Chiara Lachi. Per le persone con Alzheimer il tatto, nella quotidianità, diventa uno strumento per rafforzare la capacità comunicativa quando le parole non sono più comprensibili o sufficienti. Nell’incontro con l’opera d’arte il tatto valorizza le loro capacità residue e apre a nuove strategie di relazione fondate sull’aspetto emotivo dell’esperienza”.

“L’Arte tra le mani” ha riscosso attenzione a livello internazionale ed è stato presentato in diversi convegni internazionali: al MoMA di New York (Outreach Refinery, marzo 2014), alla Fondazione Palazzo Strozzi di Firenze (II Convegno internazionale “A più voci”, novembre 2014), alla Kunsthaus di Zurigo (Symposium, febbraio 2015), a L’Aja (Long Live Arts, maggio 2015), a Pistoia, alla Summer School dell’Associazione Italiana di Psicogeriatria (giugno 2015).

Info su The Creative Age www.conference2016.creativeaging.org

                                                                     

 

Salva

Salva

Salva

Salva

About Author

Blog di Arte con diverse rubriche di Cultura Made in Italy e Notizie di Arte

Comment here

12 − sei =