Arte

La mostra “Raffaello” alle Scuderie del Quirinale è visibile online

La grande mostra dedicata a Raffaello, aperta per pochi giorni e subito chiusa per l’emergenza Covid-19, può essere ammirata  virtualmente on line.

 

di redazione

ROMA – Non si era fatto in tempo a visitarla che appena inaugurata, il 5 marzo scorso, alle Scuderie del Quirinale, subito la grande mostra “Raffaello 1520-1483” è stata chiusa. L’emergenza sanitaria ha costretto alla chiusura di tutti i musei e delle attività non necessarie al sostentamento. Tra tutte, era la mostra più attesa essendo quest’anno l’anno dedicato a Raffaello Sanzio, di cui decorrono i cinquecento anni dalla morte.
Da oggi comunque il grande evento espositivo è visitabile virtualmente online. Andando sul sito e sui canali social delle Scuderie del Quirinale è possibile immergersi nei capolavori del maestro del Rinascimento grazie a un video-racconto. Il tour virtuale accompagna gli spettatori in una passeggiata tra le sale del museo e lungo un percorso composto da oltre 200 capolavori provenienti dai musei di tutto il mondo. Non è stato possibile ammirare di persona lo splendore delle opere di Raffaello, ma almeno il pubblico può farlo a distanza.
“In un momento così difficile”, ha dichiarato Mario De Simoni, presidente Ales – Scuderie del Quirinale, “è importante che le istituzioni culturali facciano la propria parte e rendano accessibile a tutti l’arte di cui sono custodi. Le Scuderie del Quirinale rispondono a questa chiamata proponendo un palinsesto di attività online che, a partire dalla visita virtuale, permetterà di conoscere e di ammirare la maestria di Raffaello e le tante opere riunite eccezionalmente in questa grandiosa esposizione”. (Fonte: Ag|cult)

Immagine d’apertura: Raffaello, La Fornarina, 1518-1519

 

 

© Riproduzione riservata

 

About Author

Antonella Furci è giornalista pubblicista, autrice del romanzo giallo "Come ombre tra la nebbia" (Streetlib 2019). Ha collaborato con diverse testate giornalistiche calabresi, occupandosi di cultura, politica e problemi sociali. Nel 2015 fonda il sito d'informazione culturale Arte Fair.it

Comment here

cinque × tre =