Arte

L’Approdo: i “paesaggi geometrici” di Antonio Laurelli

Prosegue a Bari la rassegna Arte e Vetrina con la mini mostra personale dell’artista molisano Antonio Laurelli dal titolo L’Approdo


 

BARI – Per la rassegna Arte e Vetrina, promossa ed organizzata dall’Associazione culturale “Leonardo da Vinci” con la curatela di Leonardo Basile, la mostra L’Approdo di Antonio Laurelli.
La mini personale è ospitata fino al 20 febbraio 2022 presso lo spazio espositivo del Centro d’arte “Leonardo da Vinci” di S. Spirito.

Antonio Laurelli originario di Isernia vive e opera a Bari, città in cui ha insegnato presso il Liceo Artistico Statale “G. De Nittis”. Ha partecipato ad innumerevoli mostre e ricevuto prestigiosi premi, tra cui il “Carlo Levi”, attribuitogli per la notevole professionalità artistica e per l’impegno civile nella società meridionale. 

 

   Allestimento della mini personale di Antonio Laurelli a Bari

 

L’arte di Laurelli

“Antonio Laurelli – scrisse A. Picariello – sfoga esperienza costruttiva dalla fusione delle immagini mentali all’accorpamento materico, scioglie il meticciato delle forme pittoriche in assemblaggi grammaticali della sostanza oggettivale: il precedente “ricercare” del colore (tipico della pittura) rientra a pieno merito nella costruzione studiata, nell’equilibrio fisico degli “assestamenti compositivi”, per urlare visionarietà storica, passaggi geometrici che fondono, al centro, il cuore indeterminato degli elementi ordinati atomici e incommensurabili nucleari. Il mondo della cultura materiale si rigenera a nuova vita. In queste opere, anche se (ad occhi abituali) la presentazione appare potenzialmente rimarcata, si deposita la compenetrazione tra un vecchio e nuovo, un già vissuto e un innovativo che sembra dare vita e corpo ad una nuova poetica di arte ambientale”. […] 

 

Immagine d’apertura: particolare dell’opera di Antonio Laurelli


Ti potrebbero interessare anche:

SECOND LIFE: a Prato la mostra tra arte, bellezza e sostenibilità

Libera Tempesta: l’universo narrativo di Carol Rollo

© Riproduzione riservata 

 

Comment here

16 − 3 =