Primo Piano

Lucca: per anni lasciata all’incuria, privato paga lavori di ripristino di Piazza d’Armi

È un luogo pubblico ma per i lavori di riqualificazione ci ha pensato un privato cittadino. Precisamente si tratta della Celtex Spa Andrea Bernacchi che per il restauro dell’opera pubblica ha speso 100 mila euro.

Ci troviamo in Toscana e i lavori in questione hanno interessato l’antica Piazza D’Armi del piccolo comune di Montecarlo in provincia di Lucca. È il secondo caso in pochi mesi in cui a occuparsi del ripristino di un bene pubblico, in questo caso di un luogo storico, è un privato cittadino. Come detto prima l’azienda leader in Europa nel settore di produzione della carta per uso igienico e domestico, che ha risposto nel gennaio dello scorso anno al bando pubblico di sponsorizzazione emanato dal Comune, il quale a sua volta ha già dato esempio di un’altra simile sovvenzione con il parco pubblico a Gossi. Anche alcuni mesi fa si è assistito, piacevolmente, a un altro importante restauro e a un simile contributo, quello della famosa Piramide Cestia a Roma.

Fu un imprenditore giapponese del settore della moda a compiere un gesto davvero straordinario e soprattutto inusuale nel nostro Paese: “adottare” un bene artistico e archeologico bisognoso di urgente restauro. Per il recupero della Piramide Cestia il mecenate nipponico dovette sborsare ben 2 milioni di euro. Per quanto riguarda il caso di Montecarlo (Lu) il bene storico da recuperare era invece la seicentesca Piazza D’Armi, costruita al tempo del dominio fiorentino ai piedi del borgo fortificato di Montecarlo, fondato nel 1333 dall’ imperatore Carlo IV di Boemia per la rassegna delle truppe. Grazie a questo intervento Piazza D’Armi, abbandonata per anni all’incuria generale e trasformata in posteggio improvvisato, è tornata finalmente al suo antico splendore, potendo continuare ad ospitare la cinquantennale Festa del vino doc. Dato che nel nostro Paese, in particolare ora con la crisi economica, i fondi destinati a salvare e valorizzare beni culturali sono sempre meno o non bastano mai o non si sa che fine fanno, viene dunque spontaneo dire: ben venga questo moderno mecenatismo!

About Author

Blog di Arte con diverse rubriche di Cultura Made in Italy e Notizie di Arte

Comment here

uno + 1 =