Cultura

Mater Terra, domani il primo appuntamento correlato alla mostra

Mater Terra2

di redazione arte fair

Cosenza, sabato 25 marzo 2017 – 

Mater Terra, simbolico rapporto tra la forza divina della vita e della morte, luogo dove si genera e dove si produce. Continua con successo la mostra Mater Terra 2,

Mater Terra2visitabile fino al 10 aprile al Museo delle Arti e dei Mestieri (MAM) di Cosenza.
All’esposizione, precisamente una collettiva di artisti, sono correlati una serie di eventi legati alla stessa tematica. Il primo appuntamento che si terrà domani, domenica 26 marzo alle ore 11.00 sempre presso il MAM, vede la presentazione del libro Kiwi, deliziosa guida di Rosarno, edito da Viaindustriae pubblishing. Interverranno all’incontro cosentino Angelo Carchidi e Giovanna Tutino, creatori di questo progetto. Nel corso dell’iniziativa l’artista e musicista Costantino Rizzuti eseguirà la performance musicale “Nidrā”. 

Kiwi, deliziosa guida di Rosarno, a cura di A di Città e Viaindustriae, è “una pubblicazione ibrida, metà guida turistica, metà romanzo collettivo, frutto di un lavoro durato due anni, che ha coinvolto cittadini, associazioni e professionisti di diverse discipline (docenti universitari, giornalisti, storici, registi, artisti, fotografi) che si sono confrontati su temi quali: memoria, cittadinanza, identità, partecipazione, integrazione”. 

Mater Terra”, già alla seconda edizione viene inteso, come già detto e anche in un precedente articolo, Kiwi librocome simbolico rapporto fra la forza divina della vita e della morte luogo mistico dove si genera dove si produce, questa energia concettuale è alla base del progetto della collettiva per donare significato al significante in un sistema di incastri irregolari di idee e produzioni. La Madre, colei che ti concede la vita, una vita limitata a tutto ciò che ti è possibile trasportare in un ipotetico bagaglio, in un ripiegare elementi per farli stare tutti in uno spazio troppo limitato che ci vede ingordi di esperienze. La necessità di produrre arte, ancora oggi come in passato, è l’ancestrale sentimento di lasciare una parte di quello che è stato il nostro viaggio di quello che i giorni hanno scritto sul volto, sulle mani e sulla materia. L’umano sentire non lascerà alla terra il proprio trascorso ma solo il proprio corpo mentre tutte le tracce saranno sparse come ceneri in luoghi dove l’arte è stata riconosciuta. “Mater terra” presume e vuole dare origine a fecondi momenti di incontro e di interazione, attraverso una situazione espositiva in cui artisti possano dialogare con la stessa tensione esplorativa all’interno di un unico contenitore in grado di divenire contenuto e che tutto questo permetta di trasformarli in incessanti viaggiatori nelle dimensioni e nei territori dell’arte, della ricerca e dello scambio. Quindi gli artisti in mostra: Francesco Cisco Minuti, Diego Minuti, Fiormario Cilvini, Fabrizio Trotta, Claudio Grandinetti, Massimo Maselli, Franco Paternostro, Paolo Ferraina, Franco Ferraina, Giuseppe Celi, Valeriano Trubbiani, Salvatore Pepe, Alfredo Granata, Franco Mulas, Domenico Cordì.

About Author

Blog di Arte con diverse rubriche di Cultura Made in Italy e Notizie di Arte

Comment here

sei − 3 =