Arte

Mostra ‘Goya e Guido Reni’: domani lezione su diagnostica Susanna e i vecchioni

Guido Reni Susanna vecchioni
Redazione Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
×
Redazione Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.

di redazione AF

Pisa, mercoledì 5 luglio 2017 – 

Arte – Nell’ambito della mostra Goya e Guido Reni. Tesori d’arte al PalpPalazzo Pretorio di Pontedera (Pi), domani, giovedì 6 luglio, dalle 17.00 alle 23.00 si terrà un evento unico, 

Guido Reni Susanna vecchioniin cui la protagonista assoluta è la diagnostica. Gli esperti di Art- Test Firenze – un gruppo di specialisti nella diagnostica scientifica delle opere d’arte, nella progettazione e nello sviluppo di sistemi e applicazioni per la raccolta e l’elaborazione di dati digitali finalizzati allo studio e alla conservazione dei beni culturali – eseguiranno una riflettografia a scanner sul dipinto “Susanna e i vecchioni” (olio su tela, cm 100×146), capolavoro inedito del maestro bolognese Guido Reni.
Contemporaneamente il curatore della mostra sarà disponibile ad accompagnare i visitatori nel percorso d’arte tra Francisco Goya e naturalmente Guidi Reni. La tela “Susanna e i vecchioni” appartiene al novero delle opere ‘non finite’, lasciate da Reni stesso in fase di abbozzo, come scelta deliberata che torna sistematicamente nella fase inoltrata della carriera del pittore in relazione ad una precisa ricerca espressiva, volta a perseguire una pittura sempre più smaterializzata e idealizzata. Grazie alla riflettografia a scanner che verrà eseguita giovedì sera per i visitatori del Palp, l’opera sarà esaminata ai raggi infrarossi, senza subire alcun danno, e racconterà in questo modo al pubblico la propria storia, strato dopo strato, pennellata dopo pennellata. La composizione ripete un’invenzione già nota attraverso il quadro dello stesso soggetto della National Gallery di Londra, eseguito sul principio degli anni Venti del ‘600, nei confronti del quale la tela in esame costituisce un vero e proprio esercizio di riscrittura e di programmata rivisitazione espressiva. Nel dipinto proposto a Pontedera la pennellata esibisce una trama poco compatta, lasciando emergere il libero andamento del pennello in un gioco di studiati contrappunti tra pieni e vuoti, in cui anche il colore della preparazione acquista un ruolo di protagonista. Per queste caratteristiche il dipinto dovrebbe spettare all’ultima fase dell’artista, tenendo tuttavia presente che la pratica del ‘non finito’, come sta a indicare la scelta del monocromo programmata sin dall’inizio, non appartiene solo ai suoi ultimi anni e che, l’assenza di un quadro di questo soggetto dall’elenco dei dipinti lasciati incompiuti alla sua morte, obbliga a pensare che a quella data il quadro era già uscito dall’atelier, come opera da lui perfettamente approvata. 

Info
PALP Palazzo Pretorio Pontedera 
Piazza Curtatone e Montanara, Pontedera (Pi)
Orario: da martedì a domenica 17-23

Ingresso: libero

 

 

 © Riproduzione Riservata 

About Author

Comment here

4 × 4 =