Arte

Mostra: Picasso, De Chirico, Dalí: dialogo con Raffaello


Al Mart di Rovereto la grande mostra che approfondisce il modo in cui Raffaello ha influenzato tre grandi artisti del xx secolo


 

TRENTO – Al MART di Rovereto è in corso fino al 29 agosto 2021 la grande mostra “Picasso, De Chirico, Dalí: Dialogo con Raffaello”, a cura di Beatrice Avanzi e Victoria Noel-Johnson.
La particolare esposizione pone l’accento sullo studio inedito e approfondito su come l’arte di Raffaello ha influenzato tre dei più importanti protagonisti del XX secolo: Picasso, De Chirico, Dalí. Seppur in maniera del tutto indipendente, i tre artisti furono ispirati dalla lezione del pittore urbinate di cui studiarono, citarono, interpretarono l’opera lungo tutto l’arco delle loro carriere.

Il legame con Raffaello

Giorgio De Chirico dichiarò apertamente la sua ammirazione per Raffaello, considerandolo un riferimento per l’elaborazione della poetica metafisica e per la successiva stagione classicista. Anche Salvador Dalí non fece mistero della sua considerazione per il maestro, un mito a cui guardò sin dagli anni giovanili e che, nel secondo dopoguerra, gli suggerì straordinarie rielaborazioni. Al contrario, Pablo Picasso non confessò mai il suo incontro diretto con l’opera dell’Urbinate. Tuttavia Raffaello appare all’origine di alcuni suoi capolavori e gli ispirò un’irriverente serie di acqueforti sul tema di Raffaello e la Fornarina.

Il percorso espositivo

“Picasso, De Chirico, Dalí: Dialogo con Raffaello”, si snoda attraverso 8 sezioni tematiche, tre delle quali approfondiscono il rapporto di ciascun artista con l’arte del grande pittore rinascimentale. Colto e sistematico è il rapporto per de Chirico, più immediato e dissacrante in Picasso, animato da profonda ammirazione invece quello di Dalí.
In mostra circa cento capolavori provenienti da alcuni tra i principali musei internazionali. Ovvero le Gallerie degli Uffizi di Firenze, il Musée national Picasso di Parigi e la Fundació Gala-Salvador Dalí di Figueres, compongono un affascinante percorso nel quale antico e moderno dialogano. La direzione artistica dell’allestimento invece è di Contemplazioni. 

L’esposizione è accompagnata da un ricco catalogo edito da Silvana Editoriale che contiene, oltre ai saggi delle curatrici Beatrice Avanzi e Victoria Noel-Johnson, i testi di Vittorio Sgarbi, Daniela Ferrari e Lucia Moni.

 

Immagine d’apertura: Raffaellino Del Colle (attribuito), dettaglio de La Fornarina Borghese, (copia da Raffaello Sanzio), 1530 circa, Galleria Borghese – Roma

© Riproduzione riservata


Leggi anche gli articoli: 

Mostra: LABIRINTI Storia di un segno universale con Eco e Ricci

Mostra fotografica: Vimercati – Morandi. Ripetizioni differenti


About Author

Comment here

quattro − 2 =