Arte

Munari – In movimento. A Bolzano la prima parte della mostra dedicata all’artista e designer

Mancano pochi giorni all’apertura della mostra dedicata all’artista e designer italiano Bruno Munari, ospitata al Centro Trevi e divisa in due parti

 

di redazione

BOLZANO – Sarà inaugurata il 7 febbraio, alle ore 18, presso il Centro Trevi – la piazza della cultura, la prima parte della mostra “Macchine a struttura flessibile” di Bruno Munari. A cura di Miroslava Hajek e Manuel Canelles, la mostra è organizzata dall’Associazione Culturale Teatro Pratiko in collaborazione con il Centro Culturale Trevi – la piazza della cultura. Il progetto Munari – In movimento, si avvale del contributo della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige – Ripartizione Cultura Italiana.

La mostra

Grazie alla curatrice Miroslava Hajek, questa prima parte dell’esposizione propone alcuni lavori storici di Bruno Munari: le macchine a struttura flessibile e il cinema sperimentale. I Flexy, storici oggetti flessibili a funzione estetica nati negli anni ’60 come opera d’arte interagibile, vengono proposti in esemplari plastici di grandi dimensioni. E di forma dinamica, manipolabile, prive di un alto o un basso, un davanti o un dietro, una destra o una sinistra. Nel suo Codice Ovvio, Munari stesso sostiene: “Flexy è silenziosa. Flexy sta al gioco”.
Un’altra serie di opere in mostra è Concavo Convesso, costruita a partire da un prodotto industriale come una semplice rete metallica a maglia fine. Trasparenza sfruttata attraverso l’uso di illuminazioni puntiformi orientate sull’oggetto, allo scopo di costruire sulle pareti delle ombre, dei riverberi, dei disegni astratti sempre mutevoli come piccoli cortometraggi. In Munari l’installazione è pensata in modo da avere un giusto equilibrio tra la progettazione (di architettura, luce, morfologia del mobile) e le rifrazioni casuali delle ombre. Concavo-convesso è nello stesso momento programmazione e casualità. Come scrive Miroslava Hajek per la rivista Mousse n.12: “Immerso nel buio, illuminato solo da alcuni faretti di luce rossa, concavo-convesso trasporta il visitatore in un ambiente estetico ad architettura mobile. Infatti non bisogna dimenticare che l’opera concavo-convesso non è pensabile o fruibile slegata dall’ambientazione che costringe lo spettatore a vivere un’esperienza sensoriale, emotiva completa. L’oggetto vibra di effetti ottici ma la sua ombra, riempiendo lo spazio circostante e creando effetti paralleli, diventa forse più importante e innesca nello spettatore una reazione emotiva che l’oggetto da solo non riesce a trasmettere.”

 Bruno Munari, Vetrini a luce polarizzata. Materiali vari, courtesy Miroslava Hajek

La seconda parte della mostra

Durante il mese di luglio 2020 sarà presentata la seconda fase del progetto con uno specifico gruppo di lavori: le Proiezioni a luce fissa e le Proiezioni a luce polarizzata. Lavori realizzati negli anni cinquanta del secolo scorso, con cui l’artista porta a compimento la sua ricerca. Una ricerca volta a conquistare una nuova spazialità oltre la realtà bidimensionale dell’opera. Le Proiezioni si inseriscono in un filone di pensiero che ha due importanti obiettivi: smaterializzare la pittura creando ambienti di luce, e offrire allo spettatore una molteplicità di immagini non più statiche. Le Proiezioni Dirette, create a partire dal 1950 e realizzate con diversi materiali inseriti in piccoli telai per diapositive, sono in diretta relazione con i lavori realizzati alla scuola del Bauhaus. “Non sono fotografie a colori, sono proiezioni dirette di materie” precisa l’autore. Le Proiezioni Dirette singole o plurime sono solo il primo passo di una ricerca che lo porta, dapprima, alle Proiezioni a fuoco continuo, dove il materiale emerge dal vetrino, permettendo la creazione di immagini differenti a seconda della diversa messa a fuoco e, infine, alle Proiezioni a luce polarizzata, che rappresentano una novità assoluta nel campo delle ricerche cromo-cinetiche. L’effetto della pellicola Polaroid diventa visibile ponendo del materiale incolore tra un sandwich di filtri; in particolare con il movimento rotatorio di quello più vicino all’osservatore si crea un movimento virtuale della composizione creata dall’artista. Munari progetta sia delle proiezioni con la rotazione del filtro polarizzante davanti alla lente del proiettore, sia dei lightbox con e senza motore, denominati dall’artista Polariscop. Questo inedito ed eccezionale corpo artistico è stato raccolto e reso fruibile grazie all’autorialità della stessa Miroslava Hajek, mediante un processo di digitalizzazione. Le opere sono state raccolte, studiate e conservate dalla Hajek, storica dell’arte, curatrice e gallerista di fama internazionale. E su proposta dello stesso Munari nell’analisi critica del suo lavoro artistico, con la quale l’artista realizza la collezione ragionata delle sue opere, strutturata in modo cronologico per descrivere l’intero percorso creativo.

Il Centro Trevi – piazza delle cultura

A partire dalla prima fase espositiva di febbraio, il Centro Trevi – piazza delle cultura è perno di un processo laboratoriale e di una rete di collaborazioni sul territorio. Saranno attivati vari partner attraverso laboratori e performance, in modo da instaurare una comunicazione tra i vari linguaggi espressivi, work in progress di azioni e proiezioni che si estenderanno alla città in spazi chiusi e aperti. In un luogo “altro” da sé dove corpo, gestualità, musica e proiezioni multimediali possano dialogare tra loro e creare differenti livelli esperienziali di percezione sensoriale e visiva. A cura di Gruppo immagine – associazione per la ricerca sullo sviluppo del pensiero divergente in età evolutiva, inaugurata da Bruno Munari nel 1986 – i laboratori per lo sviluppo del pensiero divergente saranno rivolti alle scuole, educatori e insegnanti. Saranno attivate collaborazioni con associazioni, enti e istituzioni e organizzate presentazioni in università, gallerie e musei. Obiettivo: coinvolgere il tessuto locale in un lavoro di mediazione e di rete.

*In alto: Logo Munari In movimento

 

Info
Centro Culturale Trevi
Via Cappuccini 28 – Bolzano
Mostra prima parte
Dal 7 febbraio al 29 febbraio 2020
Orari: dal lunedì pomeriggio al sabato mattina
Tel. +39 0471 300980
www.bolzano.net/it/centro-culturale-trevi.html

 

 

© Riproduzione riservata

 

About Author

Antonella Furci Autore di Artefair

Comment here

15 + 14 =