Arte

Open Box: la mostra di arte contemporanea nei giardini dell’Aventino

Open Box è un progetto espositivo che dà il via alla trasformazione degli spazi verdi dell’Aventino in gallerie d’arte all’aperto, in cui gli artisti possono esporre le proprie opere

 


 

ROMA – Al via da sabato 19 dicembre 2020 fino al 28 febbraio 2021 la mostra OPEN BOX a cura di Francesca Perti con l’introduzione di Daniela Gallavotti Cavallero.
La mostra, a ingresso gratuito, a cui partecipano otto artisti con una serie di installazioni, è ideata da AdA (Associazione Amici dell’Aventino). Ed è promossa in collaborazione con il Municipio Roma I centro, e si svolgerà dalle ore 11.00 del 19 dicembre 2020 nei giardini di Sant’Alessio, Piazza Albina e Piero Piccioni.

 

La mostra è incentrata sul dialogo tra la scultura contemporanea e gli spazi verdi adottati da AdA, in collaborazione attiva con l’Ufficio Giardini, e persegue le finalità statutarie dell’Associazione Amici dell’Aventino di custodia e valorizzazione dei luoghi dell’Aventino.
Un progetto pilota che, in questi tempi di “chiusure”, dà il via alla trasformazione degli spazi verdi dell’Aventino in gallerie d’arte all’aperto, in “open boxes”, e che vuole dare la possibilità ad artisti di esporre le proprie opere per un periodo limitato in un contesto paesaggistico e storico unico.

 

   Tommaso Cascella, installazione per Open Box

 

Nel prossimo futuro si prevede di raccogliere nuove proposte espositive, dare voce agli “under 35”, e creare una galleria dinamica con l’esposizione a rotazione delle opere.
La Fondazione Sorgente Group, sponsor del progetto, guidata da Valter e Paola Mainetti, da molti anni è attiva con iniziative volte al miglioramento e riqualificazione degli spazi verdi dell’Aventino, con un particolare interesse per il Giardino degli Aranci.

Leggi: Land Art al Furlo: un “cammino” artistico nel boschetto di Sant’Anna  


Quest’occasione rappresenta un connubio perfetto per sostenere i nostri patrimoni storico-ambientali ed artistici. “Quest’iniziativa culturale – ricorda la Vicepresidente della Fondazione Sorgente Group, Paola Mainetti – è un’opportunità importante che, attraverso la valorizzazione delle opere di interessanti artisti d’arte contemporanea, ci ricorda di avere rispetto delle aree verdi comuni, troppo spesso dimenticate, la cui manutenzione richiede impegno per le Istituzioni e rispetto da parte dei cittadini”.

Leggi: In terra di Vulci: la scultura contemporanea dentro e fuori le mura


Questa prima edizione di Open Box propone dunque otto artisti. Tra le mura protette del giardino di Sant’Alessio Paolo Buggiani, Tommaso Cascella, Riccardo Monachesi e Ninì Santoro si esprimono con materiali duraturi come ferro, acciaio e ceramica. Mentre Publia Cruciani, Marco Fioramanti Giulia Ripandelli, Mara van Wees hanno scelto gli spazi aperti dei giardini Piero Piccioni e di piazza Albina per le loro istallazioni site-specific e landart.

 

(Fonte notizia: comunicato stampa)
Immagine d’apertura: Mara van Wees, installazione per Open Box
Info: www.primomunicipioroma.com

© Riproduzione riservata


A Natale regala la sensibilità dell’Arte e la profondità della Cultura! 

               

 

Comment here

16 − 13 =