Teatro

Spazio A: venerdì secondo evento del ciclo d’incontri dedicato al Maggio Musicale Fiorentino

MEDEA CALLAS
Redazione Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
×
Redazione Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.

di arte fair

Firenze, martedì 14 febbraio 2017 –

Prosegue l’iniziativa organizzata per l’importante anniversario del Maggio Musicale Fiorentino. Il secondo appuntamento del ciclo di incontri “All’Opera! Architettura, repertorio, gestione del teatro per musica per l’ottantesima edizione del Maggio Musicale Fiorentino”,

MEDEA CALLAS si terrà venerdì 17 febbraio allo Spazio A, (in lungarno Benvenuto Cellini 13a). L’iniziativa è promossa da FORMA EDIZIONI ed ispirato a quest’importante anniversario legato alla vita culturale e civile fiorentina, e cioè l’ottantesima edizione di un festival fondamentale per la città, il Maggio Musicale Fiorentino. La rassegna, curata da Laura Andreini, Riccardo Bruscagli e Marco Casamonti, per quest’appuntamento, alle ore 18, ospita Alessandro Duranti e Giulia Tellini con la conferenza “A star is born. La Medea di Maria Meneghini Callas al Maggio Musicale Fiorentino del 1953”.

Medea
è stato uno dei ruoli leggendari di Maria Callas, portato in trionfo in tutti i teatri del mondo, fino alla consacrazione cinematografica nel film diretto da Pierparolo Pasolini (1969). Non sempre si ricorda, però, che la riproposizione dell’opera del fiorentino Luigi Cherubini (1797), di fatto uscita dal repertorio, fu il  frutto della politica culturale del Maggio Musicale Fiorentino, che la resuscitò nell’edizione del 1953. E non sempre si sottolinea il fatto che Maria Callas (anzi, Maria Meneghini Callas: un personaggio ancora non toccato e trasformato dalla sua fama mondana) trovò proprio al Comunale di  Firenze il teatro che ebbe il coraggio di investire sulla sua inusuale voce e sul suo talento di interprete. Si deve infatti alla geniale intuizione di Francesco Siciliani, Direttore artistico del Maggio dal 1949, se Maria Callas inaugurò, qui a Firenze, quella che sarebbe stata non solo una straordinaria carriera, ma una presenza sconvolgente nella storia dell’opera lirica. E fu Siciliani che capì come le risorse vocali e il temperamento di quella giovane praticamente sconosciuta avrebbero potuto rendere giustizia ad un personaggio come quello della maga della Colchide, la figlia del Sole condannata a provare le passioni troppo umane di madre e di sposa tradita. Il ciclo di incontri, che proseguirà fino a luglio, è organizzato in collaborazione con la Fondazione Teatro del Maggio Musicale Fiorentino e tratterà la tematica prescelta attraverso degli ‘affondi’ sintomatici, secondo lo stile eclettico della sua ormai consueta attività. Così, andremo dal ricordo di momenti memorabili del Maggio – oltre alla Medea della Callas, le regie di Visconti – alla presentazione degli sviluppi dell’architettura teatrale contemporanea; dalla riflessione sulla problematica gestionale del teatro di musica, alla testimonianza di artisti che si sono cimentati nella scenografia e nella collaborazione in quel ‘lavoro’ davvero collettivo che è l’opera italiana. 

Gli ospiti:

Alessandro Duranti
, italianista, in specie cinquecentista, è stato ricercatore di Letteratura Italiana presso la Facoltà di Lettere e Filosofia di Firenze. Redattore di “Paragone-Letteratura”, si è occupato continuamente anche di musica e musicologia, con una collaborazione assidua a “Cd Classica” (poi Cd Classics). E’ autore  di un saggio fondamentale sulla storia della voce di Maria Callas (in “Paragone” 2007).


Giulia Tellini
è docente al Middlebury College Language Schools (USA), al Florence Program della University of Toronto Mississauga, al Centro di Cultura per Stranieri dell’Università di Firenze e al Master di II livello in Drammaturgia e Cinematografia dell’Università di Napoli Federico II. E’ autrice di vari saggi sulla letteratura teatrale italiana, sugli attori e sul cinema. Fra i suoi libri: Storie di Medea. Attrici e autori (Firenze, Le Lettere, 2012), Vita e arte di Gino Cervi (Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2013), Tasso tragico e altri studi di letteratura teatrale (Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2016).

About Author

Comment here

undici − cinque =