Primo Piano

Torna a casa il Pugilatore in riposo, rientra da Los Angeles

b348d72b1465871ec8d6b89908dae1d1
Redazione Administrator
Blog di Arte con diverse rubriche di Cultura Made in Italy e Notizie di Arte
×
Redazione Administrator
Blog di Arte con diverse rubriche di Cultura Made in Italy e Notizie di Arte
Latest Posts
  • Salone mobile2019 2
  • Notre Dame fiamme/ph Ansa/Ap
  • Open art foto

di redazione

Roma, giovedì 12 novembre 2015 Dopo una lunga assenza e un lunghissimo viaggio oltreoceano Il Pugilatore in riposo, conosciuto anche come Il Pugile delle Terme, torna a casa.

b348d72b1465871ec8d6b89908dae1d1Fa rientro nella sua sede a Palazzo Massimo dopo essere stata per tre mesi la star della mostra sui bronzi ellenistici allestita al Getty Museum di Los Angeles, l’ultimo viaggio prima di rientrare a casa e dove è stata ammirata da 170 mila visitatori.
Ad accoglierlo nella sala del Museo Nazionale Romano, il soprintendente Francesco Prosperetti, il direttore del museo Rita Paris e il pugile Nino Benvenuti (campione olimpico e campione mondiale dei pesi medi), che quasi si genuflette ‘estasiato ed emozionato’ davanti al pugile più antico di tutti i tempi.
Uno dei capolavori in bronzo dell’arte greca, famoso e ammirato per la sua formidabile espressività interrogante mentre seduto dopo uno scontro, con il volto ferito e sofferente, si sistema le fasce alle mani e nel frattempo osserva cosa accade accanto. Un ‘estremo realismo’ che sorprende, perché nell’epoca classica gli atleti venivano raffigurati nelle forme ideali, senza gli sforzi e i segni della lotta. Una rappresentazione quindi insolita per una statua dell’antichità, che comunque le sue straordinarie caratteristiche lo hanno reso uno dei bronzi ellenici più famosi al mondo.
La scultura è alta 128 cm ed è datata intorno alla seconda metà del IV secolo a.C. Viene attribuita a Lisippo o alla sua immediata cerchia ed è stata rinvenuta a Roma alle pendici del Quirinale nel 1885 ed è conservata al Museo nazionale romano.

Adesso Il Pugile è lì, in tutto il suo splendore, sistemato sul suo piedistallo originario. Rientrato da Los Angeles ben protetto in una cassa specifica e avvolto da imbracature che lo tenevano bloccato durante gli spostamenti. Spostamenti poi, seguiti attraverso sensori capaci di riportare continuamente ai restauratori della Soprintendenza i dati delle condizioni microclimatiche o delle inclinazioni eventuali della cassa. A proteggerlo invece nei tre mesi di esposizione al Getty Museum c’era anche una base antisismica. Il Pugilatore è comunque in buone condizioni, restaurato da Olimpia Colicicchi negli anni ’80 e sottoposto a un intervento di manutenzione nel 2005.

About Author

Blog di Arte con diverse rubriche di Cultura Made in Italy e Notizie di Arte

Comment here

diciassette + quattordici =