Primo Piano

Torna a Firenze Il Vaso di Fiori. La Germania restituisce il dipinto dopo 75 anni

Il dipinto di Jan van Huysum era stato rubato dalle forze di occupazione tedesche in fuga verso il nord Italia. Dopo diverse trattative di mediazione oggi la cerimonia di restituzione a Palazzo Pitti.

 

di redazione

FIRENZE –Il Vaso di Fiori“, opera del pittore olandese Jan van Huysum rubata nel 1944 durante la ritirata delle forze di occupazione tedesche, ha fatto ritorno a casa, a Palazzo Pitti a Firenze. Dopo 75 anni riprende il posto esatto da cui era stato preso in quegli anni di occupazione.
Dopo un importante lavoro diplomatico e di investigazione, il quadro è stato riconsegnato solennemente dalla Germania al patrimonio artistico italiano.
A consegnarlo all’Italia è stato il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas nel corso della cerimonia di restituzione che si è svolta questa mattina nella Sala bianca di Palazzo Pitti.
Alla cerimonia erano presenti, insieme al ministro tedesco, il ministro per i Beni e le attività culturali Alberto Bonisoli, il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi, il Comandante generale dell’Arma dei Carabinieri Giovanni Nistri e il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt.

Cerimonia di consegna. Foto ©Adnkronos

“Un museo senza opere è come un vaso senza fiori, involucro vuoto, ma privato della sua vera funzione. Non si può dire che gli Uffizi senza ‘Il Vaso di Fiori’ di Huysum fossero vuoti. Ma mancava qualcosa, e questo ha fatto da base all’impegno di tanti per colmare questo vuoto.
Oggi stiamo colmando questo vuoto celebrando il ritorno dell’opera” – ha detto Heiko Maas durante la cerimonia, e come riporta l’agenzia Adnkronos. “Il lieto fine di un viaggio involontariamente lungo. Insieme alle autorità italiane e agli Uffizi – ha proseguito il ministro tedesco – ci siamo impegnati per restituire l’opera, perché è qui che deve stare. Siamo riusciti a convincere i discendenti. Tutti ci siamo adoperati per un obiettivo”.
Maas infine ha ringraziato i colleghi ministri italiani, i carabinieri del nucleo tutela del patrimonio artistico e la Procura di Firenze e il direttore degli Uffizi, Schmidt “per il suo impegno ostinato per il rientro di questa opera”.
“Quella odierna è una giornata storica – ha affermato invece il ministro Bonisoli – vince la diplomazia culturale, che negli ultimi tempi con un’accelerazione è riuscita a raggiungere un grande traguardo. Abbiamo ottenuto un risultato importante, di cui sono particolarmente orgoglioso, che dimostra la bontà del lavoro avviato in questi mesi, mentre si conferma ancora una volta prezioso il lavoro svolto dai Carabinieri del Nucleo Tutela del Patrimonio culturale”. Bonisoli ha sottolineato che “il tema delle restituzioni e della diplomazia culturale è al centro dell’attenzione mentre anni fa non era immaginabile. “Siamo di fronte al risultato di un lavoro di squadra, – ha aggiunto – anche perché il tema delle restituzioni fa parte a pieno titolo della diplomazia culturale. E l’Italia fa restituzioni continue. Oggi abbiamo una restituzione dove il governo della Germania si è fatta parte attiva: lo stesso governo tedesco ha superato ogni possibile attrito autonomamente, giungendo a restituire l’opera all’Italia”.
In riferimento a questa tematica, il ministro Bonisoli ha poi lanciato un appello all’Europa per uniformare le normative e agevolare la restituzione delle opere d’arte trafugate tra gli Stati membri: “C’è difformità fra le norme dei vari Stati – ha detto il ministro dei Beni culturali – anche se i principi sono condivisi da tutti. Ora siamo all’inizio di una nuova legislatura europea e questo potrebbe essere uno dei temi a livello europeo”.

 

*In alto: Cerimonia di consegna dell’opera.
Foto ©Ansa

 

 

© Riproduzione Riservata

 

About Author

Antonella Furci Autore di Artefair

Comment here

19 − sette =